marcatori archivi: AfghanRitrovamenti

La famosa "ragazza afgana" del National Geographic,’ Ora una mamma sulla quarantina, Trova rifugio in Italia

La famosa "ragazza afgana" del National Geographic,'Ora una mamma sulla quarantina, Trova rifugio in Italia

Sharbat Gula, il cui ritratto penetrante sulla copertina di National Geographic in 1985 dare un volto all'Afghanistan devastato dalla guerra, è fuggito dalla nazione e ora vive a Roma, più punti vendita segnalati.

Gula – che ora si crede abbia circa 40 anni e abbia diversi figli – è stata evacuata nella capitale italiana qualche tempo dopo il stati Uniti’ ritiro delle truppe dall'Afghanistan e dal La ripresa del controllo da parte dei talebani lì ad agosto, secondo il New York Times.

“La Presidenza del Consiglio ha provveduto e organizzato il suo trasferimento in Italia,” ha affermato il governo italiano in un comunicato ottenuto dal Volte.

Gula ha chiesto assistenza al governo italiano, l'ufficio del Premier Mario Draghi ha detto, secondo il Associato premere, che ha riferito che il governo italiano si è impegnato ad aiutarla ad adattarsi alla vita a Roma.

però, non è chiaro quando Gula sia arrivata in Italia o se ci resterà, secondo il Volte.

La notizia arriva dopo che le organizzazioni non profit hanno chiesto aiuto per evacuare Gula dall'Afghanistan, dove i talebani sono stati accusati di limitare i diritti delle donne e di cercare persone che sostenessero gli americani lì, il Volte segnalato. L'Italia è tra le diverse nazioni occidentali che hanno evacuato i rifugiati afghani negli ultimi mesi.

“Sono le donne più povere e le donne più timorose del mondo,” Dr. Massouda Jalal, la prima e unica donna a candidarsi alla presidenza dell'Afghanistan, ha detto a PERSONE delle donne afgane a settembre. “La loro vita sarà da un momento all'altro in pericolo.”

Sharbat Gula

Sharbat Gula
Sharbat Gula
| Credito: Haroon Sabawoon/Anadolu Agency/Getty Images

Gula è diventata un simbolo della difficile situazione afghana dopo essere stata notata dal fotografo di guerra Steve McCurry in un campo profughi in Pakistan durante l'occupazione sovietica dell'Afghanistan in 1984, quando si credeva che fosse 12, secondo il Volte.

“Ho notato questa bambina con questi occhi incredibili, e ho capito subito che questa era davvero l'unica foto che volevo fare,” ha detto dell'incontro casuale, secondo National Public Radio, Radio Pubblica.

Il suo ritratto intimo di Gula è stato messo sulla copertina di National Geographicè giugno 1985 problema, che ha caratterizzato il titolo “Lungo la frontiera devastata dalla guerra dell'Afghanistan.”

Ma anche se l'immagine ha guadagnato il plauso internazionale, la sua identità è rimasta sconosciuta fino a quando 2002, quando McCurry e un team di National Geographic i giornalisti l'hanno trovata nelle montagne dell'Afghanistan. Benchè “il tempo e le difficoltà avevano cancellato la sua giovinezza,” il rivista riportata al tempo, “gli occhi brillano ancora; che non si è ammorbidito.”

McCurry ha detto Il guardiano nel mese di settembre, “Gli afgani si trovano nella stessa situazione in cui si trovavano negli anni '80. Mettono in dubbio la sicurezza, sfollati e in cerca di rifugio.”